ProgettoCRV
Fans Club

Si è aggiunto da qualche tempo anche l'amico BORTOLO

I3BQC Vittorino
I3CLZ Luciano
I3CWR Lino
I3CZM Mario
I3GKK Giancarlo
I3GUT Alberto
I3JVS Franco
I3LPO Giuseppe
I3MDU Michele
I3MLU Luciano
I3NEI Raffaella
I3NPF Fabio
I3PGZ Marco
I3PPL Pierluigi
I3TEY Tony
I3VUK Luigi
I3VZF Floriano
I3XFK Alberto
I3YPD Luciano
I5JKI Roberto
IK3ADS Adone
IK3DNX Antonio
IK3DVY Ruggero
IK3FHO Oriano
IK3GHR Fortunato
IK3GHW Claudio
IK3HAT Giulio
IK3HHV Enrico
IK3ITS Claudio
IK3ITV Andrea
IK3OBY Sergio
IK3PQH Giorgio
IK3RIY Martino
IK3SHM Beppe
IK3SSU Mauro
IK3TJO Graziano
IK3XTQ Alberto
IK3ZAU Roberto
IK3ZBS Antonio
IW3GXW Gino
IW3HCN Carlo
IW3HHN Marco
IW3HIV Gianni
IW3HKC Bruno
IW3HLI Stefano
IW3HMH Daniele
IW3HPN Andrea
IW3HV Franco
IW3HXR Bruno
IW3HUU Mauro
IW3HVV Sandro
IW3IBW Stefano
IW3IEA Giovanni
IW3IEH Valerio
IW3IGC Michele
IW3IKK Gianni
IW3IKM Davide
IW3IPA Stefano
IZ3APJ Francesco
IZ3BGG Angelo
IZ3BTB Giorgio
IZ3CDH Giorgio
IZ3DRO Giancarlo
IZ3FJM Massimo
IZ3FJT Domenico
IZ3HGN Andrea
IZ3JZB Roberto
IZ3KFA Emanuele
IZ3KIF Rony
IZ3KLB Michele
IZ3KSO Michele
IZ3KUN Luca
IZ3KVI Gabriele
IZ3LES Maurizio
IZ3LMT Filippo
IZ3PUR Hendrik

Da qualche giorno ci sostengono anche.... :-)

Bruce Banner
Reed Richards
Sue Storm
Stephen Strange
Octo Octavius
Silver Surfer
Peter Parker
J. Jonah Jameson Junior
Dandan Dougan
Robbie Robertson
Matt Murdock
Pepper Potts
Super Skrull
Warren Worthington III
Betty Brant
Happy Hogan
Curt Connors
Fing Fang Foom
Mickey Mouse
Donald Duck
Bugs Bunny
Daffy Duck
Dylan Dog
Nathan Never
Lazarus Ledd
Martin Mystere

... denunciate anche loro, adesso... HI

I nominativi sono riportati in ordine alfabetico. Se vuoi aggiungerti al Fans Club, non esitare a scriverci. Grazie.

Tra CRV e AGS Scandicci PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Mercoledì 06 Luglio 2011 16:55

Cosa è successo negli ultimi mesi in Veneto riguardo l'ARI?
E cosa sta capitando a livello nazionale nella nostra associazione?
Gli aggiornamenti in questo spazio web sono stati infatti molto limitati. Probabilmente qualcuno si sarà chiesto il perchè, qualcuno avrà temuto che abbiamo tirato i remi in barca, qualcuno avrà invece esultato, credendo di aver vinto una guerra che lui stesso ha scatenato.
In particolare dopo che qualche benpensante ha querelato 11 presidenti di sezione, aumentando il proprio punteggio nel diploma tribunali e galere...
Niente di tutto ciò. Semplicemente, tempo al tempo, e non c'era molto da aggiungere. Ora invece sì.

Lo spettacolo offertoci lo scorso mercoledì 29 giugno all'assemblea del CRV di Treviso è stata l'ennesima dimostrazione dell'arroganza di determinati membri di un direttivo regionale che, nonostante sia ben cosciente di non godere della fiducia di oltre metà delle sezioni e dei soci veneti, non ha la minima intenzione di dimettersi, tantomeno di permettere un rinnovo democratico dell'associazione.
Va infatti chiarito senza alcun dubbio cosa è successo in quella serata, in particolare visto che il nostro solerte segretario ha definito inopportuna la stesura di un verbale che in qualche modo avrebbe potuto documentare gli eventi.

All'incontro, convocato per le ore 21.00 di un giorno infrasettimanale, con tutte le difficoltà annesse per i vari delegati a parteciparvi, si sono presentati i rappresentanti di 20 sezioni. Dopo la verifica delle deleghe, nella quale poco vi è stato da eccepire, l'assemblea è stata dichiarata regolarmente aperta dal Segretario, essendo presenti oltre ai delegati i consiglieri, il Vicepresidente e il Presidente del CD-CRV.
Primo atto dopo tale costituzione sarebbe stata la nomina del presidente di assemblea. Infatti, ogni altra assemblea del CRV ha avuto un presidente di assemblea nominato dall'assemblea stessa. Scusate la cacofonia, ma è giusto non confondere, come invece qualcuno fa, il Presidente del CD-CRV con altri incarichi...
Ecco, invece, proprio il Presidente del CD-CRV ha deciso di assumersi questo compito d'ufficio, senza consultare nessuno. E dichiarando: "dato che l'assemblea è straordinaria... lo faccio IO". E palesando a giustificazione il regolamento del CRV e "visto ciò che è accaduto nella precedente assemblea".
Inutile ricordare che, proprio nella precedente assemblea, il CD-CRV è stato SFIDUCIATO. Quindi la pregiudiziale verso tale presidenza oltretutto c'era.
Solo dopo una lunga discussione, è stata ammessa a votazione una mozione d'ordine: "siete d'accordo con la presidenza dell'assemblea da parte del presidente del CRV?". 6 delegazioni si sono espresse a favore, 13 contrarie, 1 astenuta.
E a questo punto? A questo punto il VicePresidente ha affermato che "era venuto a mancare il rispetto per le persone", si è alzato e ha deciso di andarsene. E il Presidente del CD-CRV ha fatto altrettanto.
Un ottimo esempio di democrazia da parte di chi sbandiera questa parola da mattina a sera: .
I delegati rimasti in sala, quasi tutti, hanno deciso così di mettere nero su bianco ciò che è avvenuto in quella serata, e di nominare due delegati di loro fiducia che andassero all'AGS di Scandicci come loro incaricati. Non come rappresentanza del CRV, che è risultato infatti assente, ma come osservatori incaricati al massimo di esternare alla platea, a margine dell'assemblea, le problematiche associative nella nostra regione.
AGN Scandicci 2-3 luglio 2011
Ma cosa è successo a Scandicci?
Gli incaricati che hanno presenziato, hanno riferito di aver assistito a uno spettacolo un pò disarmante. L'impressione è stata infatti che, in generale, ognuno dei presenti avesse come obiettivo il proprio orticello, e non fosse disposto a scendere a compromessi riguardo le proprie proposte, se non in rari casi.
La politica associativa, nel senso più ampio e degno del termine, ha lasciato nella maggioranza delle occasioni il posto a una demagogia basata su proclami, sul portare avanti le proprie idee senza permettere un dialogo con le varie anime presenti.
Senza scendere in dettagli, che saranno comunque a breve disponibili dato che il verbale è stato sottoscritto in loco (e pensare che qui in Veneto non ci si riesce!), la visione d'insieme è che in ARI non vi siano due anime, tantomeno tre, ma molte di più, e che lo spazio per il dialogo tra queste sia ridottissimo.

Sul come la pensiamo noi di tale situazione non vogliamo accennare. Non è nostra intenzione fornire un'ennesima verità assoluta. Dopotutto in internet se ne trovano già abbastanza...

Ma a Scandicci, se non altro, è stato sancito un principio importante: l'intepretazione ufficiale dei regolamenti la può fare solo l'Assemblea, cioè l'organo che ha emanato i regolamenti. Il Collegio sindacale non ne ha invece titolo. Ed è una regola che non fa una grinza nemmeno a livello Statale: perchè dovrebbe invece essere differente nel CRV?
Inoltre un Avvocato, rappresentante di un CR, ha anche affermato che il Collegio Sindacale ha compiti di controllo sugli amministratori (cioè sul CD), e ne risponde come l'amministratore in caso di inadempienze, omissioni ed errori. Anche questa è una notizia interessante, visti i problemi che abbiamo in Veneto.

Gli incaricati osservatori riferiscono inoltre che hanno ricevuto innumerevoli attestati di stima e strette di mano, con l'augurio sincero che i problemi nel CRV siano risolti nel più breve tempo possibile, e che nel limite delle possibilità la loro collaborazione è garantita. Uno di loro, sull'incontro, ha raccontato: "A parte le discussioni accese, a volte quasi degenerate nello scontro fisico, alle quali ho assistito, e a qualche siparietto degno di arringatori di folla piuttosto che di pazienti psichiatrici, le idee ci sono e molte sono anche valide. Manca però da taluni la disponibilità a mediare, e tali comportamenti finiscono per soffocare qualsiasi alito di vento rinnovatore. E' un peccato, perchè l'associazione ha molto da offrire ai soci, e i soci hanno ancora molto da offrire all'associazione. L'augurio che vorrei fare è che quella canzone intonata durante la cena di sabato sera, "o sole mio", non rimanga solo un momento goliardico tra colleghi, ma diventi davvero un inno all'ARI di domani."

Ultimo aggiornamento Mercoledì 14 Marzo 2012 11:20